Il potere e l'influenza del fan engagement

Di The Gigstarter Team il 19-03-2021

Molti artisti ed etichette sono accecati dall'idea che un numero maggiore di visualizzazioni equivalga sempre a un contenuto di successo. Un alto numero di follower è spesso usato per misurare il successo, tuttavia, non è sempre così.

Un chiaro esempio di questo caso sono gli annunci “pre-roll” su YouTube. Essi possono ottenere centinaia di migliaia di visualizzazioni ma in concreto questo numero, per quanto suoni accattivante, non è detto che sia rilevante. Per esempio, non sai se il destinatario dell'annuncio ha prestato realmente attenzione alla tua pubblicità, in molti casi il pre-roll è riprodotto in background mentre l’utente sta navigando su un'altra scheda in attesa della fine dell'annuncio.
Lo stesso vale per i social media: desideri che i tuoi seguaci prestino attenzione al tuo contenuto e siano accattivati da esso.

L'algoritmo di Instagram

L'algoritmo è un concetto molto ampio con cui tutti, consciamente o inconsciamente, hanno a che fare quotidianamente: è il numero di steps necessari per raggiungere un certo obiettivo. Un algoritmo ha quattro funzioni diverse: dare priorità > classificare > associare > filtrare. Google mette in cima i risultati di ricerca più rilevanti (dare priorità), le pubblicità selezionano il target group (classificare), le app d’incontri raccomandano un partner adatto in base a certe caratteristiche (associare) e Siri isola il rumore di fondo per il riconoscimento vocale (filtrare). Questi sono tutti esempi che sono resi possibili dagli algoritmi.

Per utilizzare al meglio l'algoritmo di Instagram è importante sapere cosa cerca, poiché i post sono classificati per rilevanza e non per ordine cronologico. Esso determina la posizione di un post nel feed degli utenti per mantenere alto l’interesse e far sì che utilizzino l’applicazione il più a lungo possibile.
Ma come fa Instagram a determinare cosa è rilevante per l'utente? Per farlo, Instagram monitora continuamente il comportamento degli utenti. Questo implica guardare con quali account l'utente interagisce maggiormente, quanto spesso l'utente usa Instagram e quanti account segue.
Di seguito troverete tre consigli di Nadja Desmet, fondatrice del Socialemediaburo, per beneficiare della logica dell'algoritmo:

1. Crea un calendario editoriale dei contenuti

Pubblicando in modo costante, l'algoritmo vedrà il tuo account come di alta qualità e di conseguenza lo posizionerà più in alto nel feed. Avere un proprio calendario dei contenuti è uno strumento utile per mantenere questa costanza e coerenza.

2. Posta video

Le persone scorrono le foto velocemente e non appena qualcosa si muove, come un video, la loro attenzione viene catturata più facilmente e più a lungo. Se gli utenti si soffermano a lungo sul tuo post, Instagram la considera una forma positiva di coinvolgimento e questo darà una spinta alla posizione dei tuoi post nell’algoritmo.

3. Usa i tools di Instagram

Instagram mette a disposizione molti strumenti utili per rendere le tue storie più accattivanti e far guadagnare posti nel feed, un esempio: l'adesivo per le storie che permette di rispondere alle domande.

stonedDietro le quinte della creazione di un contenuto

Altri fattori

Oltre ai consigli di Desmet, qualche tempo fa Instagram ha pubblicato alcuni approfondimenti sui fattori che determinano il tuo posto all'interno dell'algoritmo:

Interessi

Instagram guarda quali contenuti trovi interessanti. Instagram non guarda solo i like ma l'utilizzo generale dell'utente, come per esempio che tipo di post o storie vedi più spesso/più a lungo, cosa cerchi e che tipo di hashtag segui.

Contatti frequenti

Instagram monitora con quali account hai un'interazione superiore alla media. Più interazioni hai più Instagram pensa che tu sia legato a quella persona e più i suoi contenuti sono visibili sul tuo feed.

Relevance

Più un post è attuale, più è rilevante. I post appena pubblicati finiranno quindi in cima al feed.

Cosa non fare

Forse lo sapete già e forse fate già parte di gruppi del genere. Si parla dei gruppi in cui un certo numero di persone accettano di scambiarsi reciprocamente "mi piace". A breve termine questo promuoverà l’engagement, ma nel lungo termine non sembra essere un metodo molto proficuo. Instagram nel tempo riconosce queste strategie, con tutte le conseguenze negative che questo comporta. Lo stesso vale quando un account compra followers, questi sono spesso "seguaci fantasma" e quindi non contribuiranno alla visibilità del tuo account. Quando un account ha un gran numero di seguaci, ma il numero di like e commenti rimane relativamente basso, i potenziali partner e followers vedranno che qualcosa non va e percepiranno l'account come meno affidabile.

Ora non dimenticare di seguire Gigstarter su Instagram: Segui

Articoli correlati su Gigstarter:

Ti interessa l'industria musicale? Vorresti qualche dritta su come migliorare musicalmente e su Gigstarter? Dai un'occhiata al nostro blog.

Gigstarter rende accessibile la musica live. Su gigstarter.it troverai musica live per la tua festa in modo facile e veloce. Il servizio non richiede commissioni agli artisti e nemmeno agli organizzatori. Dai un occhiata al sito e seguici su Facebook per rimanere aggiornato sugli eventi e nuovi talenti di Gigstarter.

No hassle. Just music.


Tag: power, influence, fan, engagement